Carlo B. – Narrare Improprio

Scelta

with one comment

Cosa vuol dire scegliere? Per quasi tutti la domanda non si pone. Cosa vuol dire parlare, o respirare? Continuamente scegliamo dove mettere i piedi, cosa mangiare a pranzo, a chi telefonare il venerdi’ sera. Un piccolo ometto seduto nella nostra testa preme con decisione uno di due bottoni, o muove una di due leve.

Mi dicono che invece studi dimostrano che non scegliamo. Che se ti fai una risonanza magnetica, quelli sanno gia’ 5/6 secondi prima che tu “decida” cosa deciderai. La chiamano “identificazione delle basi neurofisiologiche dei processi di scelta”. Basi neurofisiologiche. Fa quasi paura.

Povero il mio omino. Ci saranno i sussidi di disoccupazione nella mia testa?

Annunci

Written by Carlo

26/01/2010 a 14:28

Pubblicato su Scelta

Tagged with , , ,

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Ciò che fa paura è l’emergere della mente dall’organico.
    Da neuroni, neurotrasmettitori, sinapsi, ioni elettrici ecco uscire pensieri, emozioni, affetti, arte, cretività, amore, memoria.
    Fa paura la complessità fisico-chimica del cervello che è tale da produrre qualcos’altro di sovraordinato e astratto come le funzioni superiori caratteristiche delle specie umana.
    Fa paura anche questa riflessività, il pensare il pensiero, il riflettere con la mente su un organo da cui la mente stessa è generata: è un vortice.

    giancarla

    27/01/2010 at 13:54


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: