Carlo B. – Narrare Improprio

Lana

leave a comment »

Adorava il suo maglione di lana. Lo trattava come fosse una reliquia. Sempre lavato a mano e in acqua fredda. Aveva dei bei disegni scandinavi: rombi e blocchi rosso su bianco, con trilli di giallo sul collo e sulle maniche. Era un maglione morbido e caldo, fatto per climi difficili e per non lasciarti a tremare quando la situazione si metteva a brutto. Le piaceva metterselo in casa, la sera, davanti ad un film. Si sentiva meno sola. La lana era soffice e spessa, quasi rustica, e filata senza fronzoli: dritto e rovescio, dritto e rovescio, dall’inizio alla fine. D’estate lo metteva via, piegato e lavato, in un grande scatolone sul fondo dell’armadio e aspettava tranquilla la prossima neve.

Quell’anno pero’ c’era un filo che penzolava dalla cintola. Un sottile filo bianco, solitario. Certo normale, dopo tutto quel tempo, un filo tirato. Lo lego’ facendolo passare dentro ad un rovescio. Il giorno dopo il filo era di nuovo li’, un po’ piu’ lungo. Lo lego’ di nuovo, due volte. Ma il giorno dopo erano dieci centimetri di lana. E poi venti. Dopo una settimana la lana arrivava a terra. Tiro’ fuori i suoi vecchi ferri e l’uncinetto e si mise a rimagliare ad uno ad uno tutti i punti. Prima a maglia rasata, poi a punto legaccio. Distese di disegni su carta velina e telefonate alla Nonna esperta. Il filo era indomabile: per ogni rimedio quello trovava altri punti da distrarre, convincere che non valeva piu’ la pena. Che avevano tenuto anche troppi anni.

Si arrese. Camminava per casa con una lunga coda e quando incrociava uno specchio sospirava vedendo il maglione ritirarsi sempre piu’. I primi a sparire furono i grandi rombi rossi in basso, poi lo zig-zag. Li guardava scivolare via come si guarda un’armata in rotta. Seduta sul divano arrotolava a gomitolo la sua coda e sospirava. Presto le si vedranno i seni, piccoli dal freddo, dal quale non avra’ piu’ riparo, nascondiglio. Certo ci sarebbe quel negozietto nuovo in via del Corso. Non portera’ certo il lutto per un maglione.

Annunci

Written by Carlo

27/01/2010 a 17:45

Pubblicato su Racconti

Tagged with , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: