Carlo B. – Narrare Improprio

A casa, finalmente?

leave a comment »

Ora, io speravo di scrivere un bel pezzo riflessivo, sull’effetto che fa tornare a casa dopo tanto tempo. Un pezzo da commuoversi con piccoli aneddoti simpatici che scaldano il cuore quasi come guardare Cinema Paradiso. E invece da quando sono tornato a casa me ne sono capitate di tutti i colori. Anzi, dal giorno prima. Un messaggino mi dice che una persona cara è in ospedale, incidente.  Porca putt… Torno in Italia e solo oggi riesco a respirare dal naso, dopo un’influenza cum sinusite da favola. Vabbè, fa niente, uno si riposa. Ho passato i primi due giorni Italiani a letto. Vabbè, che vuoi che sia. Mentre ero a letto sento un rumore secco, aspro, come un ramo che si spezza in giardino. Non era un ramo, era una macchina che ha deciso di appoggiarsi a 5o km all’ora al mio muretto di cinta che, dal canto suo, non l’ha presa bene. Ora devo chiamare muratori, avere preventivi, etc. Vabbè, non si è fatto male nessuno. Finalmente penso di non essere più contaggioso e vado a trovare la mia amica in Ospedale (come faccia a sorridere anche adesso è un pregio più che un mistero). Tornando mi fermo ad un bar per un panino, non ho pranzato. Hanno finito i panini. Vabbene, fa niente, mi prendo un gelato. Fa già caldo da primavera qua. Il tempo di sgranocchiare un magnum ricoperto di cioccolata bianca e sono di nuovo in macchina pronto a tornare a casa. Infilo la chiave, giro e niente. Non un suono. La batteria non ha resistito ai 3 minuti in cui avevo lasciato lo sportello aperto. Vabbene, che fa, bastano i cavi, e un vecchietto gentile che parla, parla, mi rimprovera, mi spiega come vadano tenute le macchine, di come abbia trascurato la mia (e mi ha appena conosciuto. Se sapesse quante cose trascuro in realtà!). Torno a casa e mi consolo pensando che lunedi parto per una bella vacanza in giro per l’Europa, a trovare amici, a esplorare la sconosciuta Irlanda, la grigia Bruxelles, la fredda Oslo. Poi, guardando un telegiornale, scopro di un vulcano Islandese.

E’ bello quando tutte le cose ti dicono: bentornato!

Annunci

Written by Carlo

21/04/2010 a 09:57

Pubblicato su Cose Interessanti, Racconti

Tagged with , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: