Carlo B. – Narrare Improprio

30

with 2 comments

Eh si. 30 tutti interi e tondi. 10 erano un parallelepipedo lungo e stretto, rosso scuro. 20 verdi e triangolari, ma una piramide stretta, puntita, slanciata. e 30 sono rotondi e arancione. In realtà non esattamente ciroclari, più un cerchio appoggiato, un po’ floscio nella parte bassa. Un ellisse forse? Difficile descrivere una sensazione con la geometria da quarta elementare che mi ricordo. I numeri in colore. Penso che se andassi a rivedere la scatola di bastoncini con cui ci insegnavano l’aritmetica a scuola, il 10 sarebbe sicuramente rosso. Prendevamo i viola acceso (erano i tre) e ne facevamo, di volta in volta, fiori, case, macchine che correvano lungo viali di 7 neri e 8 marroni: palazzi altissimi, grattacieli americani visti nei telefilm che ancora dicevano ‘notte d’ognissanti’ invece di ‘Halloween’.

E quindi passano così. Al liceo quando mi dicevano che in Asia il tempo è circolare, non va da ieri a domani, ma torna sempre su di sé, non ci capivo molto. Ieri è passato e non torna più. Non si ricorda molto di tutte le migliaia di cose che succedono ogni istante. E domani è davanti, come in autostrada il prossimo casello. Il mio professore di filosofia era un folle. Ci faceva chiudere gli occhi, a dei sedicenni, e ci parlava del tempo induista che è come un respiro, si espande e si contrae. Chissà se non finirebbe nei guai oggi: tutti quei ragazzini a occhi chiusi, con un adulto nella stanza. Oggi invece lo capisco di più. Vedo i cerchi, o meglio le spirali, in cui si srotola la vita. E inizio a contare i passaggi dal centro. Non come pedaggio, scotto da pagare, ma come ciclo semplicissimo, in cui noi alla fine abbiamo un ruolo da passeggero. Ci gustiamo il viaggio, leggiamo e scriviamo ingannando l’attesa, giochiamo a dama, ascoltiamo la radio, scegliamo se tenere il finestrino chiuso o aperto. Non dove si va. Ma neanche questo è vero. Non si ‘va’. Sono forse tutte le cose che si muovono in sincronia, come l’acqua delle maree.

I trenta fanno fare pensieri di filosofia da salotto. Si inizia a tirare qualche somma, si cercano le continuità, i successi, gli insuccessi, i segni delle direzioni future e di dove queste ci porteranno. Il tempo diventa insieme completamente nostro, conosciuto, solito; e lontano, estraneo, come un oggetto contro cui si sbatte un ginocchio per la prima volta. Si contano gli amici che ci portiamo dietro, gli anni dei genitori, i libri letti. E per quanto ci ripetiamo che non c’è da cercare un senso delle cose fatte (e di quelle non fatte), ci batte in testa il segreto desiderio di scoprire nelle cose intorno, nei pensieri, nelle nuvole, un senso profondo che ci renda speciali, salvati. Invece no, le tartarughe nere dei quadri di Magritte sono solo tartarughe nere. Lo diceva lui.

Stasera mangerò una buona pizza, in una piccola pizzeria di paese, con due amici. Glielo chiedo a loro dove sta il senso delle cose. E, già lo gusto, si parlerà di viaggi, di libri letti, di film. Si farà qualche ingenuo pettegolezzo, fingendo disinteresse. Si faranno progetti per le prossime settimane, i prossimi mesi. Quasi tutti poi rimarrano progetti. E forse, solo un po’, si parlerà delle cose com’erano. Ma non tanto. Come si parlasse di cose normali.

Annunci

Written by Carlo

17/05/2010 a 18:12

Pubblicato su In-splora, Tempo

Tagged with , , ,

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. tempo circolare e tempo lineare, rimasi anch’io stordita da questa rivelazione nonostante ai tempi del liceo fossi parecchio distratta e assonnata… forse il segreto sta nel non scindere troppo e vedere le cose come dentro un caleidoscopio, tutto è lì dentro e ogni volta diverso. buon compleanno, il post è molto bello

    donata

    17/05/2010 at 18:51

    • un caleidoscopio tutto colorato, spero! grazie donata!

      Carlo

      19/05/2010 at 07:53


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: