Carlo B. – Narrare Improprio

Perchè se dobbiamo ballare, almeno ci sia buona musica

with 2 comments

Cosa rimane di tutte le cose fatte? Degli amori, dei litigi furiosi, delle cose costruite con fatica? In fondo perdere qualcosa è triste perchè i ricordi sono leggeri, inconsistenti, mentre la realtà è pieno, carne calda, oggetti che stringi. Alcuni sanno tenere a mente tutto: date dei compleanni, cucchiani di zucchero nel caffé, pensieri pensati e cose fatte. Ma per quelli come me il passare del tempo è un po’ uno schiacciasassi sempre in movimento. Mi segue ovunque e si preoccupa di fare della mia vita un deserto sottile, lasciando in piedi quel poco che basta per rimpiangere il resto.

Le azioni riempono gli spazi. Appena una finisce cerco quella successiva come in astinenza. Gli oggetti che di giorno mi guardano, la notte si induriscono, rispondono accigliati alla luce della mia abat-jour. Non mi basta? Cosa voglio ancora? La radio, bassa, sussurra stizzita ancora musica, un’altra canzone. Perchè se dobbiamo ballare, almeno ci sia buona musica. E io ascolto e conto i lati della lampada, 125, della finestra, 16, della testata del letto, 5. E nei momenti migliori so cantare la melodia di qualcosa che mi arriva alle orecchie. E canto, senza pensarci, sovrappensiero.

Annunci

Written by Carlo

25/09/2010 a 14:43

Pubblicato su Nero, Tempo

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Non so perché ma appena ho letto il tuo post (ebbene sì, ho sbirciato ancora) mi è venuta in mente Back to life (http://www.youtube.com/watch?v=SFBhS0aFyKM) di Giovanni Allevi.

    Forse per contrapposizione, non so … tu parli di ricordi leggeri e inconsistenti …quante volte negli ultimi mesi ho provato a chiudere gli occhi e a circoscrivere momenti, situazioni, persone. Ho visto poco e quel poco era piuttosto sfocato. Come se quello che realmente è stato in fondo non fosse mai accaduto. Ci sarà un senso – mi sono detta – semplicemente non so coglierlo!

    Ora invece leggendo le tue righe mi è sembrato di intravedere un motivo: e se i ricordi appannati fossero solo il tentativo di dare consistenza al nostro presente? Forse è per questo che a volte, improvvisamente, senza una ragione, ci tornano alla mente (e questa volta in maniera decisamente nitida) momenti del passato che pensavamo di non possedere più. E guarda caso questo accade solitamente quando abbiamo trovato un nuovo equilibro, magari precario, ma pur sempre nuovo. O comunque quando abbiamo un nuovo ruolo.

    Forse i ricordi vanno in letargo per riemergere quando meno te lo aspetti e per stupirti regalando un sorriso al tuo volto … chissà!! Ci devo pensare. Intanto di sicuro Back to life è buona musica … e spero che riesca ad arrivarti alle orecchie e che tu riesca a ripeterne la melodia senza pensieri e non soprappensiero. E magari ti verrà anche voglia di ballare …

    Ciao,
    Francesca

    Francesca

    26/09/2010 at 18:22

    • Sbircia, sbircia sempre, non stancarti, continua. E fammi sapere cos’altro ti viene in mente. Grazie delle parole e della musica.

      bacio

      Carlo

      27/09/2010 at 07:58


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: