Carlo B. – Narrare Improprio

Come un nuovo anno

leave a comment »

Che silenzio. Dispiace parlare con un silenzio così. Pare irrispettoso, kitch. Eppure senza parola non c’è pensiero, cambiamento, storia e, alla fin fine, vita. E in più è iniziato (per chi conta con il calendario giuliano) un anno fresco, intero. Appena fatto.

Viene voglia di stringersi intorno a un fuoco, di ballare, di stringere una donna e dimenticare, in un giorno così. Tamburi d’africa, niente cinismo, niente lente d’analisi sulla società. Il nostro io più antico ci prende per lo stomaco e ci tira dentro al cerchio. Rompe il vetro della finestra da cui guardiamo scorrere il mondo. In un giorno così ci piace pensare che accadano solo cose meravigliose e magiche. Che ogni gesto sia un presagio, un indizio da leggere.

E quindi: buon 2012, a voi e a me.

Annunci

Written by Carlo

01/01/2012 a 12:35

Pubblicato su Tempo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: