Carlo B. – Narrare Improprio

Le concert

leave a comment »

Ho appena visto “Le concert”

In ritardo, lo so. Non sono bravo a tenermi al passo con la mole di nuovi film, nuovi libri che escono ogni mese. Una volta mi sentivo un po’ in colpa. Ora molto meno. Pesco a caso i pochi film che guardo e quasi mai sono quelli appena usciti. Aspetto che i miei amici abbiano avuto tempo per decidere quali valga la pena guardare e quali invece si possono ignorare senza remore. Ci sono voluti due anni quasi perché mi arrivasse un DVD di questo. Un’eternità se si pensa in termini di mercato della produzione culturale contemporanea.

Il film mi è piaciuto molto. Come dice il regista “è come la vita, un miscuglio di commedia e tragedia”. Insomma, un bel film, commovente e divertente insieme. Se non l’avete visto vale la pena cercarlo. Ma non è di questo che vorrei scrivere.

C’è un’idea terribilmente idealista che fa capolino dietro a tutta la storia. Un’idea semplice, pulita, dai contorni netti come diamante: che la musica, quella vera, ci salvi. Che rammendi le nostre ferite. Che per il breve, brevissimo tempo di un concerto siamo tutti assolti da tutto. Non importa quale tristezza o torto ci inseguano nelle notti insonni. Finché ascoltiamo siamo salvi. La certezza che la musica sia capace di trasformare la realtà intorno a noi in qualcosa che non sia poi così terribile. In qualcosa che abbia senso, dignità, direzione. Non in senso metaforico. Trasformare davvero il mondo in un posto migliore. Riscattare giornate, mesi, vite vuote e sciupate dall’incuria. Portare per quella mezz’ora giustizia a chi ha sempre preso bastonate.

Come tutti gli assoluti, dura poco e non sempre funziona. Basta niente, un musicista mediocre, una serata storta, qualcuno che parla troppo in fondo al teatro, e non succede niente. Sentiamo quanto sia scomoda la sedia, quanto fredda o calda la sala. Pensiamo a tutte le cose da fare il giorno dopo. E la musica diventa sottofondo ai nostri soliti pensieri che si rincorrono. Ma a volte, invece, a volte le note arrivano come aghi dritti al fondo segreto delle cose. E non importa se siamo convinti che il mondo non abbia niente di segreto. Che sia solo questo spettacolo di colori, linee, odori che ci arriva dai nostri sensi. La musica è lì, chiara,  incontrovertibile, e ci dimostra – facendocelo toccare, come ad un bambino –  che c’è qualcosa oltre a tutto questo nonsense. Che non siamo tutti condannati. Che la salvezza, breve, transitoria, fragile e improbabile, esiste e resiste sotto le macerie del quotidiano.

Non male per un film.

Annunci

Written by Carlo

09/01/2012 a 23:33

Pubblicato su In-splora

Tagged with , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: